Anagrafe siti inquinati

L'Arta, su incarico della Regione, controlla in modo sistematico i siti a rischio potenziale di contaminazione, potenzialmente contaminati e contaminati. Nel 2006 è stato completato il primo censimento regionale, che ha portato alla pubblicazione della prima "Anagrafe regionale dei siti a rischio potenziale" (D.G.R. n. 1529/06).

L'Arta aggiorna l'Anagrafe con regolarità, trasferendo le informazioni alla Regione che adotta gli atti di aggiornamento entro il 31 dicembre di ogni anno. I riferimenti normativi sono disponibili sulla pagina dedicata sul sito della Regione Abruzzo.

L'aggiornamento vigente è quello della D.G.R. del 7/5/2020 n. 240 con i relativi allegato 1 e allegato 2.

L’elenco dei siti sottoposti a procedura di bonifica ai sensi dell’art.251 del D.Lgs. 152/06 è riportato nell’Allegato 1 mentre l’elenco dei siti a rischio potenziale di contaminazione sottoposti o da sottoporre a verifiche ambientali è riportato in Allegato 2.

Gli allegati possono essere modificati dal Servizio regionale competente, il Servizio Gestione Rifiuti, che può anche escludere dall’Anagrafe i siti che non presentano criticità ambientali.

Le informazioni raccolte dall’Arta su siti contaminati e potenzialmente contaminati confluiscono inoltre in una banca dati georeferenziata, organizzata in schede che ricalcano l’organizzazione dell’Anagrafe regionale. Ogni scheda è suddivisa in sezioni in cui si trovano informazioni sul sito, sugli ambienti circostanti, sulle attività di indagine, caratterizzazione e bonifica ed immagini fotografiche. Le pubbliche amministrazioni e i soggetti pubblici che hanno competenze in materia di siti contaminati possono accedere a queste informazioni richiedendo gratuitamente le credenziali di accesso.