Notizie Arta

Pescara 26/11/2022

NOSE Abruzzo: attiva la Web-App per segnalare le molestie olfattive

“NOSE” - Network for Odour SEnsitivity è una WEB APP che consente ai cittadini di segnalare in tempo reale i miasmi avvertiti sul territorio, in modalità anonima e georeferenziata.

Il cittadino può registrarsi gratuitamente usando il proprio smartphone dal sito
https://nose-cnr.artaabruzzo.it/
seguendo le indicazioni riportate.

Si potrà così segnalare la molestia olfattiva indicando il tipo di odore percepito, la sua intensità, se è accompagnato da disturbi fisici e lasciando un eventuale commento.

Al fine di identificare le potenziali aree sorgenti oggetto del miasmo segnalato, NOSE è dotato di un tool modellistico integrato che permette al personale di ARTA di “tracciare” le masse d’aria caratterizzate dagli odori. Il modello, messo a punto dal CNR-ISAC, descriverà attraverso opportune “retrotraiettorie”, il percorso a ritroso compiuto dalle masse d’aria contenenti le specie odorigene, partendo dall’area geolocalizzata identificata dal NOSE come oggetto del miasmo segnalato dai cittadini.

Due sono le macroaree intercomunali attualmente interessate dalla sperimentazione del progetto NOSE:

  • Sulmona con i comuni di:
    • Bugnara, Cansano, Introdacqua, Pacentro, Pettorano sul Gizio, Pratola Peligna, Prezza, Sant’Eufemia Sulmona, Maiella
  • Teramo con i comuni di:
    • Colonnella, Controguerra, Corropoli, Martinsicuro

I dati delle segnalazioni dei cittadini, aggregati per Comune, sono disponibili e visualizzabili sulla APP stessa, in tempo reale. Dopo una prima fase iniziale di messa a punto della WEB APP NOSE, saranno attivate due apparecchiature in grado di campionare l’aria, installate nelle macroaree di Teramo e Sulmona. Raggiunto un certo numero di segnalazioni, il sistema NOSE sarà in grado di attivare in modo automatico il sistema di campionamento. I campioni di aria raccolti saranno poi sottoposti ad analisi olfattometriche e chimiche presso i laboratori ARTA Abruzzo.

Il sistema NOSE è sviluppato dall’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-ISAC) in collaborazione con ARTA Abruzzo ai fini di attività di ricerca scientifica con finalità operative.

Immagine della home page app Nose

Pescara 25/11/2022

Permessi per il diritto allo studio anno 2023

E’ indetto un avviso interno, riservato al personale dell’ARTA Abruzzo appartenente all’area del Comparto, per la fruizione, nell’anno solare 2023, dei permessi retribuiti (150 ore), per il diritto allo studio, ai sensi dell’art. 62 del CCNL Comparto Sanità del 2/11/2022

Maggiori informazioni nella pagina del bando.

Pescara 25/11/2022

Sciopero generale dei settori privati e pubblici su tutto il territorio nazionale per l’intera giornata di venerdì 2.12.2022

Si comunica che ADL VARESE - CIB UNICOBAS - COBAS COMITATI DI BASE DELLA SCUOLA - COBAS SARDEGNA - CUB - SGB - SI-COBAS - USB - USI - UNIONE SINDACALE ITALIANA FONDATA NEL 1912 - USI CIT, hanno proclamato uno sciopero generale dei settori privati e pubblici su tutto il territorio nazionale per l’intera giornata di venerdì 2.12.2022 dalle 00,01 alle 23,59. Saranno garantiti i servizi pubblici essenziali. Ci si scusa per gli eventuali ed imprevedibili disagi che potranno derivarne.

Pescara 25/10/2022

Arta, al via la fase operativa di “Abruzzo regione del benessere”

Sono ufficialmente al lavoro gli "esperti" incaricati dall’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente (Arta), di sviluppare il progetto multidisciplinare “Abruzzo regione del benessere”. Espletata la selezione pubblica, per titoli e colloquio, indetta da Arta in qualità di soggetto attuatore del progetto strategico nel programma di mandato della Regione Abruzzo, è partita la fase operativa ed esecutiva, grazie al supporto di professionisti che forniranno il loro contributo qualificato all’attuazione del progetto. Lo faranno, rispettivamente, nel campo della formazione, della promozione territoriale, storia e cultura locale, nutrizione, educazione motoria e nelle attività di ricezione turistico e alberghiera. Già nella giornata di oggi, gli "esperti" hanno incontrato i ragazzi delle scuole nell’ambito dell’evento sportivo di caratura internazionale "One Hundred Trail World Series" che fa tappa in Abruzzo con un villaggio allestito in piazza San Bernardino a L’Aquila, da venerdì a domenica.

“Prende corpo la fase attuativa del progetto Abruzzo regione del Benessere – ha dichiarato il direttore generale di Arta, Maurizio Dionisio – e già da stamattina gli esperti selezionati dall’Agenzia, in qualità di soggetto attuatore della legge regionale, sono al lavoro per tenere dei cicli di lezioni per i ragazzi delle scuole dell’aquilano, in materia di educazione ambientale, formazione per l’orientamento motorio e sportivo, storia e cultura locale”.

Coordinatore del gruppo di lavoro è Massimo Desiati, esperto in materia turistica e promozione territoriale. Giornalista freelance e libero professionista, Desiati ha ricoperto più incarichi istituzionali ai livelli regionali, provinciali e comunali. Tra questi, il ruolo svolto quale Assessore della Regione Abruzzo con delega al Turismo, all’Ambiente, all’Energia ed al Territorio (Urbanistica).

L’esperto in storia e cultura locale selezionato da Arta è Marco Patricelli, consulente storico per la RAI, giornalista, cultore della materia presso l'Università degli studi "Gabriele D'Annunzio" - dipartimento di lettere, arti e scienze sociali – e autore di numerosi testi storici. Su incarico del Quirinale ha tenuto la relazione storica di fronte al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione delle celebrazioni ufficiali del 73º anniversario della Liberazione (2018).

Sergio Lo Re, esperto in educazione motoria, metterà a disposizione del progetto le sue competenze nel campo dello sport e della salute, dell’educazione fisica e sportiva, in virtù di un’esperienza comprovata e ventennale come preparatore atletico di numerose società sportive. Ex allenatore dell’Aquila 1927, Lo Re ha guidato tutte le compagini giovanili rossoblù: Giovanissimi, Allievi e Berretti.

Emilio Schirato è l’esperto in attività di ricezione turistico-alberghiera. CEO di uno tra i più noti hotel pescaresi e amministratore delegato del Gruppo Schirato Hotels, è stato presidente per la provincia di Pescara di Federalberghi, nonché vice presidente e membro del Consiglio di Amministrazione della S.A.G.A. Spa, società regionale di gestione dell'aeroporto d'Abruzzo.

Esperto di ambiente, infine, è Sergio Croce, coordinatore del progetto, laureato in scienze ambientali, già funzionario Arta. Specializzato nei sistemi di gestione ambientale e nelle relative verifiche ispettive, Sergio Croce di occupa da sempre di EMAS, strumento creato dalla Comunità europea al quale possono aderire volontariamente le organizzazioni per valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali. A lui sarà affidato il compito di individuare gli aspetti e i criteri ambientali che confluiranno nelle linee guida per il rilascio della certificazione “Abruzzo regione del benessere” alle strutture ricettive della regione.

A loro, si unirà nei prossimi giorni un’altra figura professionale, la cui selezione è ancora in corso, esperta nel campo della nutrizione. “Le professionalità incaricate – ha spiegato il direttore tecnico di Arta e responsabile del progetto, Massimo Giusti - avranno come compito principale quello di tracciare le linee guida che definiscano le modalità di acquisizione di una specifica certificazione attraverso precisi disciplinari.

Un’attestazione – ha concluso il direttore tecnico - che testimoni l’aderenza delle buone pratiche poste in essere dai soggetti interessati ai valori e i principi ispiratori del progetto”.

Tra le azioni progettuali, anche la creazione di una bio-bank, una banca dati per studiare le caratteristiche metaboliche, genomiche, funzionali e nutrizionali dei nonagenari e centenari abruzzesi per finalità di ricerca, con l’obiettivo di applicare tutte le conoscenze associate alla longevità degli abruzzesi e trasferirle all’intera popolazione. La bio-bank rientra anche tra gli obiettivi di un altro importante progetto scientifico denominato “Il buon uso degli spazi verdi e blu per la promozione della salute e del benessere” (progetto ammesso al finanziamento dal Ministero della salute che integra con risorse nazionali gli interventi del Pnrr) che vede Arta tra le Agenzie regionali coinvolte assieme ad Arpa Calabria ed Emilia Romagna, con il coordinamento scientifico dell’Istituto superiore di sanità.

Pescara 17/10/2022

Arta, Benessere: al via progetto per il buon uso degli spazi verdi e blu
Da Pnrr e Ministero della Salute oltre 700 mila euro

La razionalizzazione e l’aggiornamento delle informazioni sulla presenza, accessibilità e funzionalità delle infrastrutture verdi (non solo aree protette, come parchi e riserve, ma anche aree di verde urbano e giardini) e delle aree blu (gli spazi adiacenti al mare, ai laghi o ai corsi d’acqua). Con questo obiettivo nasce il progetto “Il buon uso degli spazi verdi e blu per la promozione della salute e del benessere”, che verrà sviluppato da Arta Abruzzo in partnership con Ispra, Arpa Calabria e Arpa Emilia Romagna. Il coordinamento, in virtù dell’elevato valore scientifico del progetto, è affidato all’Istituto superiore di sanità, in un proficuo lavoro di collaborazione tra enti che rafforzerà la collaborazione tra il Sistema di protezione ambientale Snpa e il neonato Snps (Sistema nazionale prevenzione salute dai rischi ambientali e climatici).

“L’importante collaborazione con istituti di eccellenza scientifica – ha dichiarato il direttore tecnico Arta, Massimo Giusti, tra i principali promotori del progetto – è per l’Agenzia la migliore legittimazione in termini di efficacia delle azioni messe in campo fin qui nell’attuazione della legge regionale ‘Abruzzo regione del benessere’, demandata dal legislatore proprio all’Agenzia per la tutela dell’ambiente”.

Il progetto rientra tra i 13 presentati dalle Agenzie del Snpa e ammessi al finanziamento dal Ministero della salute nell’ambito del Piano nazionale investimenti complementari (piano operativo Salute, ambiente, biodiversità e clima), che integra con risorse nazionali gli interventi del Pnrr. L’ammontare del finanziamento sarà di oltre 700 mila euro. Tra i soggetti coinvolti ci sono anche il Consorzio interuniversitario nazionale per le scienze ambientali (Cinsa, rappresentato dall’Università di Parma), il Dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche (DImec) dell’Università di Bologna e il Dipartimento di epidemiologia del Ssr Lazio.

Arta Abruzzo parteciperà a tutti gli obiettivi, con un particolare focus su quelli strategici in ottica ‘Abruzzo regione del Benessere’: dalla stesura di una linea guida a supporto di una certificazione del benessere destinata anche alle aree verdi e blu, alla costruzione di una bio-bank di profili epigenetici, metabolici e genomici dei soggetti centenari residenti nel territorio, fino all’individuazione dei migliori percorsi educativi al benessere.

“In quest’ottica, basandosi su procedure ed analisi dalla comprovata validità scientifica – ha affermato Giusti – Arta Abruzzo redigerà un disciplinare in grado di certificare anche le infrastrutture verdi e blu come luoghi del benessere. Valuteremo con attenzione e rigore – ha aggiunto il direttore tecnico Arta - tutti gli eventuali benefici che tali aree potranno apportare alla collettività in termini di salute, riqualificazione del territorio, mitigazione degli impatti sui cambiamenti climatici. Lo faremo – ha concluso Giusti - proprio a cominciare dalla creazione di una bio-bank di ultracentenari e nonagenari al fine di applicare le conoscenze nutrizionali associate alla longevità e trasferirle alla popolazione”.

Il progetto si inserisce nel solco dell’ultimo report dell’Agenzia europea per l’ambiente sulle infrastrutture verdi e blu e si pone come obiettivo la conoscenza partecipata di tutti gli attori preposti allo sviluppo, al mantenimento e all’utilizzo di tali aree oltre ad una migliore comprensione dei benefici per il benessere psico-fisico della popolazione residente. Inoltre, sono previste iniziative che consentano un più facile utilizzo e azioni di formazione per educare al buon uso di tali aree.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha recentemente evidenziato come le aree verdi e blu siano fondamentali per il benessere completo delle persone e per una migliore salute psico-fisica e raccomanda che siano facilmente raggiungibili in breve tempo da chiunque. Tra le iniziative in programma in diverse regioni, percorsi culturali per promuovere e mantenere la biodiversità, attraverso il riconoscimento delle piante autoctone e l’individuazione della presenza di specie aliene, la definizione di una road map delle best practices per il mantenimento e il miglioramento delle aree verdi e blu, l’identificazione di marcatori biogenetici correlati al “buon” invecchiamento per la popolazione con più facile accesso a queste aree.

Pescara 17/10/2022

Sin di Bussi, Arta aumenta i controlli sui processi di bonifica della discarica
Quasi a regime il sistema di risanamento tramite desorbimento termico

Intensificati i controlli da parte dell’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente nel settore settentrionale della discarica Tremonti. I tecnici Arta, dopo l’avviamento del test pilota per la rimozione dei contaminanti nel terreno profondo mediante desorbimento termico, stanno monitorando con maggiore frequenza l’area in corso di bonifica. Il fine è quello di acquisire tutte le informazioni necessarie a valutare la tenuta complessiva del sistema; in particolare, i controlli sono mirati a valutare l'efficienza e l'efficacia delle tecnologie utilizzate per la bonifica, monitorando le acque sotterranee, i vapori nei pozzi all'esterno e all'interno dell'area test e le sonde soil gas esistenti.

“L’incremento dei controlli – ha sottolineato il direttore del distretto Arta di Chieti, Roberto Cocco – nasce dall’esigenza di verificare la tenuta del sistema di bonifica che si avvale di tecnologie all’avanguardia di cui esistono pochi casi di applicazione in Italia. Ai controlli routinari e standardizzati – ha concluso il dott. Cocco – sono state affiancate ulteriori attività di verifica anche mediante l'impiego di droni dotati di scanner con sensori termici per il rilevamento di contaminanti aerodispersi”.

La tecnologia adottata per la bonifica prevede il riscaldamento del terreno profondo impattato dalla contaminazione (principalmente da solventi clorurati) fino ad una temperatura di circa 100 gradi. L’obiettivo è quello di ottenere la volatilizzazione dei contaminanti e la conseguente rimozione mediante estrazione dei vapori. Le indagini eseguite fin qui hanno infatti permesso di individuare la presenza di un orizzonte nel terreno saturo a circa 13 metri di profondità, costituito da terreni a minore permeabilità (argille torbose) che hanno trattenuto ed intrappolato i contaminanti lisciviati, ovvero separati dai rifiuti mediante solvente.

La profondità raggiunta dai contaminanti avrebbe reso di difficile applicazione altre tecniche di risanamento o comportato lunghi tempi di bonifica delle acque sotterranee. Gli elementi riscaldanti inseriti nel terreno permetterebbero, invece, di riscaldare in breve tempo il volume di terreno saturo interessato dall'accumulo di solventi clorurati, rimuovendoli (desorbendoli termicamente). I vapori recuperati attraverso un sistema di pozzi di estrazione verranno poi trattati in superficie al fine di evitare la dispersione della contaminazione in atmosfera.

Pescara 17/10/2022

Arta Abruzzo al Bio Benessere: centinaia le presenze per le lezioni di educazione ambientale

Boom di presenze per la giornata di formazione organizzata da Arta Abruzzo all’interno della fiera del Bio Benessere, interamente dedicata all’educazione ambientale. Sono state centinaia i ragazzi che hanno avuto l’opportunità di visitare il nuovo laboratorio mobile in dotazione all’agenzia, esposto per un giorno all’interno del padiglione della fiera promossa dalla Cna di Pescara e dall'associazione 'Vae Victis Anri' aps, in collaborazione con Arta, con il Comune di Pescara, Assessorato a Mare e Fiume e Assessorato alla Mobilità sostenibile, con Legambiente e Camera di Commercio Chieti-Pescara e con il patrocinio della Regione Abruzzo.

Il mezzo, dotato delle più avanzate tecnologie per il monitoraggio della qualità dell’aria ed equipaggiato con i più sofisticati strumenti per la misurazione “in continuo” degli inquinanti atmosferici, è stato visitato per tutto l’arco della mattinata dai ragazzi delle scuole pescaresi che hanno assistito alle lezioni di educazione ambientale tenute dai tecnici Arta.

I giovani visitatori hanno potuto così comprendere a pieno il funzionamento delle strumentazioni a bordo del mezzo, apparecchiature in grado di migliorare l’attività laboratoristica dell’agenzia portando notevoli vantaggi in termini di tempi e modalità di prelievo e analisi. Grazie al nuovo mezzo, Arta, infatti, è in grado di intervenire in tempo reale in caso di emergenze come, ad esempio, le contaminazioni di corpi idrici superficiali, gli incendi, gli scarichi abusivi, l’abbandono di rifiuti potenzialmente pericolosi.

“Soddisfazione è stata espressa dal direttore generale dell’Agenzia, Maurizio Dionisio, che ha sottolineato come “le giornate dedicate alla formazione e all’educazione ambientale dei più giovani incidano positivamente nei comportamenti a tutela del territorio e del nostro pianeta. Dalla qualità dell’aria, al consumo dell’acqua – ha concluso l’Avv. Dionisio - dai cambiamenti climatici alla biodiversità, dalla lotta allo spreco alimentare al riciclo dei materiali e alla raccolta differenziata dei rifiuti, queste giornate sono fondamentali nel formare una coscienza ambientale nelle generazioni future che potranno trattare la nostra terra con una maggiore consapevolezza”.

PagoPa
Carta di Pescara
Ambiente Informa

Analisi acque di balneazione

Balneazione

Catasto elettromagnetico regionale

Link utili Elenco sorgenti
Pubblicazioni

Reporting

Tutti i documenti
prodotti da Arta

Pubblicazioni
WebGIS

Arta e territorio

Informazioni georeferenziate

WebGIS Arta
Caratterizzazione porto di Pescara

Porto Pescara

Caratterizzazione
dell'area portuale

Documenti
Sezione Regionale Catasto Rifiuti

Sezione Regionale Catasto Rifiuti

Vai